Detrazione spese mensa scolastica

Le spese della mensa scolastica sono detraibili dalla dichiarazione dei redditi 2017, tramite modello 730 o Unico.

Le famiglie pertanto, che nel corso dell’anno 2016, hanno sostenuto tra spese d’istruzione, le spese mensa scolastica del figlio o dei figli a carico, possono dichiararle nel proprio 730 2017 o Redditi 2017 e detrarre il 19% per una spesa massima di 400 euro a studente, secondo quanto riportato dall’Agenzia delle Entrate nella circolare 3/E del 2 marzo 2016.

Grazie alla novità introdotta dal decreto La buona Scuola e dalla Legge di Stabilità, dal precedente anno, la spesa mensa scolastica sostenuta dal contribuente, per conto del figlio a carico per frequentare il primo ciclo di studi, è detraibile dal 730 e Unico.

Pertanto, i genitori degli alunni che frequentano una scuola privata o statale relativa al primo ciclo di studi, ovvero: ex asili, elementari e media, possono detrarre dal proprio reddito il 19% della spesa mensa per un importo massimo di 400 euro all’anno. In questo caso il beneficio fiscale massimo corrisponde alla detrazione di euro 76,00.

Nel caso in cui la retta + mensa, complessivamente pagata durante l’anno, risultino essere di importo inferiore a 400 euro, la detrazione è calcolata sulla somma effettivamente pagata dal contribuente.

Le spese mensa scolastica sostenute dal contribuente vanno indicate nel 730 2017 tra le spese d’istruzione codice 12.

Nel nuovo modello 730, l’Agenzia delle Entrate ha provveduto ad istituire il nuovo codice “12” che identifica tali spese, da indicare nei righi da E8 ad E12; le istruzioni modello 730 Agenzia delle Entrate pag. 44, precisano poi che questa detrazione non è cumulabile con quella prevista per le erogazioni liberali alle istituzioni scolastiche per l’ampliamento dell’offerta formativa che vanno indicate con il codice 31.

L’importo deve comprendere le spese indicate nella sezione “Oneri detraibili” della Certificazione Unica con il codice onere 12.

I contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi tramite modello Unico 2017, che intendono portare a detrazione la spesa mensa scolastica, possono farlo indicando tali spese nei righi da RP8 a RP14 con il codice 12.

Il nuovo codice 12, secondo le istruzioni modello Redditi 2017 PF, va utilizzato infatti per indicare l’importo delle spese per la frequenza di scuole dell’infanzia del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di secondo grado. L’importo annuo massimo di detrazione, non può superare i 400 euro per alunno o studente, inoltre, non è cumulabile con quella prevista per le erogazioni liberali alle istituzioni scolastiche elencate nell’articolo 15 del TIUR comma 1 lettera e i-octies che vanno invece indicate con il codice 31.

La spesa mensa scolastica è dimostrabile attraverso la seguente documentazione fiscale:

  1. Copia delle ricevute di pagamento: conto corrente, bonifico bancario o postale, MAV relativi al servizio mensa dell’anno scolastico 2015/2016 o qualsiasi altra attestazione che ne dimostri l’effettivo pagamento;
  2. Eventuale rilascio da parte della scuola, dell’attestazione dei pagamenti della retta relativi al 2016. Ad esempio per le scuole private e paritarie, è possibile richiedere in segreteria, il rilascio del documento di certificazione attestante la spesa mensa scolastica dello studente. Si ricorda che su tale attestazione è prevista l’applicazione dell’imposta di bollo 2,00 qualora l’importo superi 77,47 euro.